Comunicato stampa

Dalla Villa Papadopoli Giol di San Polo di Piave alla Villa Foscolo Brait di Cimadolmo, per proseguire verso Villa e Borgo Malanotte a Tezze di Piave, Villa Lavezzari Mantese Angelina e Villa Tron Donà delle Rose a Mareno di Piave, Palazzo Ancillotto e Villa Tiepolo Campana Corner a Santa Lucia di Piave e, infine, il Castello di San Salvatore a Susegana: saranno queste le tappe fondamentali del percorso cicloturistico “Alla scoperta delle Ville Venete e del territorio nel Medio Piave”, organizzato per domenica 28 maggio dall’Associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti”, in collaborazione con Fiab – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta Treviso “Amici della bicicletta”.

La modalità per riscoprire il territorio e le preziose tracce del passato è quella che Mazzotti preferiva, in sella alla bici, a ritmo lento (e a zero emissioni, aggiungiamo oggi). Prenotazioni entro il 25 maggio.

 

Il nome di Bepi Mazzotti è strettamente legato alla riscoperta, al censimento e alla promozione delle ville venete nel secondo dopoguerra: spesso raggiungeva le antiche dimore, tasselli di un patrimonio unico al mondo, in sella alla propria bicicletta e domenica 28 maggio l’Associazione “Premio Letterario Giuseppe Mazzotti” (promotrice del Premio Letterario Gambrinus Mazzotti) propone di fare altrettanto, organizzando l’itinerario cicloturistico “Alla scoperta delle Ville Venete e del territorio nel Medio Piave”, in collaborazione con Fiab – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta Treviso “Amici della bicicletta”.

Si tratta di un’occasione unica per riscoprire un angolo della Marca Trevigiana particolarmente amato da Mazzotti, facendo propri lo sguardo e l’affetto che contraddistinsero “il Robinson delle Ville Venete”.

Il percorso si svilupperà per 35 chilometri sulla sponda sinistra del fiume Piave, con partenza alle 8.30 dal Parco Gambrinus di San Polo di Piave (ritrovo alle ore 8.00) e arrivo al Castello di San Salvatore, a Susegana: l’andata sarà caratterizzata da alcune soste suggestive, arricchite dall’intervento di una guida che offrirà informazioni e aneddoti sulle ville e sull’impegno di Mazzotti per il riconoscimento e la salvaguardia di tale patrimonio.

Nell’arco di circa quattro ore si toccheranno Villa Papadopoli Giol a San Polo di Piave, Villa Foscolo Brait a Cimadolmo, Villa e Borgo Malanotte a Tezze di Piave, Villa Lavezzari Mantese Angelina e Villa Tron Donà delle Rose a Mareno di Piave, Palazzo Ancillotto e Villa Tiepolo Campana Corner a Santa Lucia di Piave e, infine, il Castello di San Salvatore a Susegana, spettacolare contesto in cui la comitiva pranzerà all’aperto. Tra una sosta e l’altra, si potrà assaporare il viaggio, lento, silenzioso e a impatto zero, osservando il paesaggio agrario che era parte integrante del sistema villa e comprendendo come le monumentali dimore abbiano influenzato architettonicamente e paesaggisticamente il territorio, diffuso cultura artistica, agricola, usi e costumi di Venezia nell’entroterra veneto.

Si rientrerà quindi al Parco Gambrinus nel primo pomeriggio (percorso senza soste, pari a 19 chilometri, che richiederà circa due ore).

Coloro che fossero impossibilitati a compiere il percorso sulle due ruote potranno fruire di un pullman che seguirà autonomamente l’itinerario con l’accompagnamento di una guida esperta (ritrovo alle 9.00 al parcheggio del Parco Gambrinus di San Polo di Piave).

Per tutte le soluzioni è obbligatoria la prenotazione entro il 25 maggio, contattando la Segreteria (info@premiomazzotti.it, tel. 0422 855609). Le adesioni si chiuderanno comunque al raggiungimento delle 30 persone.

 

Per informazioni:

Segreteria del Premio Letterario Gambrinus Mazzotti
tel: 0422 855609
e-mail: info@premiomazzotti.it
www.premiomazzotti.it

Ufficio stampa Premio Letterario Gambrinus Mazzotti

Koiné Comunicazione
Ilaria Tonetto
Mob. 348 8243386
Ilaria@koinecomunicazione.it