bando gambrinus 2024_cover corretta

Primo atto della nuova edizione del Premio Letterario Gambrinus Mazzotti: pubblicato il bando 2024, in gara la II terna.

Al via la lunga corsa del Premio Letterario Gambrinus Mazzotti 2024. È ufficialmente bandita la nuova edizione, la 42ᵃ, del riconoscimento istituito per omaggiare la figura e l’opera di Giuseppe Mazzotti. Quest’anno è in lizza la II terna, che si suddivide nelle sezioni Alpinismo, Ecologia e paesaggio, Artigianato di tradizione.

I requisiti per partecipare

Il Premio Gambrinus Mazzotti 2024 è riservato a opere scritte o tradotte in italiano, pubblicate dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2024. Per prendere parte alla 42ᵃ edizione c’è tempo fino al 10 maggio di quest’anno. I partecipanti dovranno inviare alla Segreteria del Premio dieci copie della loro opera.

È stata già resa nota la giornata scelta per la cerimonia di premiazione, che si terrà a Treviso (sede da definire) sabato 16 novembre alle ore 16:00. Da segnalare, rispetto alla scorsa edizione, un cambio nella Giuria del Premio. Giovanni Caprara, responsabile della redazione scientifica de Il Corriere della Sera dal 2002, prende il posto del giurato uscente Salvatore Giannella.

Caprara si era messo in luce proprio nell’edizione 2023 del Premio Letterario Gambrinus Mazzotti, con il suo libro “Breve storia dello spazio. Avventure e scoperte di uomini e robot” (Salani Editore). Il testo, in corsa nella sezione Esplorazione e viaggi, era stato inserito dalla Giuria nel novero delle opere segnalate.

L’ultimo Premio Gambrinus: rapido recap

Il Super vincitore della 41ᵃ edizione del Premio era stato Franco Faggiani con “L’inventario delle nuvole“, pubblicato da Fazi Editore. Il libro si era aggiudicato lo speciale riconoscimento “La Voce dei Lettori“, oltre a trionfare nella sezione Montagna: cultura e civiltà della I terna.

Gli altri vincitori dell’edizione targata 2023 erano stati Marco Aime con “La carovana del sultano. Dal Mali alla Mecca: un pellegrinaggio medievale” (Giulio Einaudi Editore), nella sezione Esplorazione e viaggi, e Gilles Bertrand con la “Storia del Carnevale di Venezia dall’XI secolo ai giorni nostri” (Cierre Edizioni), per la sezione Finestra sulle Venezie.

Appartenente alla medesima sezione, l’opera prescelta per il Premio Speciale della Giuria, ovvero “Alberto Alpago-Novello 1889-1985. Architetture a Belluno” (Silvana Editoriale) di Damiano Iacobone.

La grande attesa

Dopo il grande successo dello scorso anno, l’augurio della nostra Associazione è che anche la 42ᵃ edizione del Premio Gambrinus Mazzotti abbia la stessa fortuna. Chi saranno i vincitori 2024? L’attesa è lunga, così come è tanta la voglia di scoprire e lanciare nuove opere che diano lustro ad un premio nato per celebrare l’impegno civile del nostro Bepi.